Seconda prova – Matematica- esame di Stato 2014

Seconda prova 2014 (matematica)

ESAME DI STATO Liceo scientifico -2013 Seconda prova- sessione ordinaria

Ordinamento         Tracce ordinamento

PROBLEMI

QUESITI

Quesito  1 ordinamento
Quesito  2 ordinamento

Problema 1- ordinamento -soluzione

Quesito  3 ordinamento
Quesito  4 ordinamento
Quesito  5 ordinamento
Quesito  6 ordinamento

Problema 2 ordinamento -soluzione

Quesito 7 ordinamento
Quesito  8 ordinamento
Quesito  9 ordinamento
Quesito  10 ordinamento

PNI-BROCCA   Tracce PNI

PROBLEMI

  QUESITI
Quesito  1 PNI
Quesito  2 PNI

Problema 1- PNI -soluzione

Quesito  3 PNI
Quesito  4 PNI
Quesito  5PNI
Quesito  6 PNI

Problema 2- PNI -soluzione

Quesito 7 PNI
Quesito  8 PNI
Quesito  9 PNI
Quesito  10 PNI

Liceo della Comunicazione    Tracce Liceo della Comunicazione

PROBLEMI

QUESITI

Quesito  1 Comunicazione
Quesito  2 Comunicazione

Problema 1- Comunicazione -soluzione

Quesito  3 Comunicazione
Quesito  4 Comunicazione
Quesito  5 Comunicazione
Quesito  6 Comunicazione

Problema 2 Comunicazione -soluzione

Quesito 7 Comunicazione
Quesito  8 Comunicazione
Quesito  9 Comunicazione
Quesito  10 Comunicazione

6 thoughts on “Seconda prova – Matematica- esame di Stato 2014

  1. Liceo della comunicazione. Due considerazioni:
    1) 2° problema punto 3: l’area ha segno opposto rispetto a quello calcolato
    2) 2° problema punto 2: non ho ben capito cosa la traccia chiede, cosa si intende con le domande “In che modo?” e “Con quali considerazioni?”. Cioè con i calcoli di x_1, x_2, x_3 si vede che al crescere di n diminuisce il modulo dello scarto tra F (alpha) e alpha ma non ho capito dove si vuole arrivare con le due domande soprastanti.

    Grazie

    • 1) Sì, il calcolo dell’area è stato impostato e poi calcolato in modo da avere un risultato positivo , cioè cambiando segno alla funzione che, nell’intervallo considerato è negativa. Mancava, nel passaggio intermedio ,questo cambio di segno.
      2) Il testo fa riferimento al processo di approssimazione detto anche metodo del punto fisso. In effetti bisognerebbe verificare che sono verificate le ipotesi del teorema che assicura che la successione definita per ricorrenza, dei valori approssimati, è convergente. Questo però andrebbe oltre le richieste effettive del problema che infondo chiede solo di congetturare tale convergenza. L’interpretazione grafica dovrebbe rafforzare la congettura.
      Il metodo del punto fisso è illustrato, per esempio, nel’articolo seguente
      http://www.matmedia.it/images/2014/articoli/Equazioni.pdf

  2. Suppongo proprio di sì. Ci sono anche i commenti degli studenti. Ovviamente si suppone che chi interviene nella discussione lo faccia perchè mostra un certo interesse per l’argomento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...